Marsala. 6 anni ai fratelli Allegra

Sono stati rinchiusi nel carcere “Pietro Cerulli” di Trapani i fratelli Allegra Salvatore e Angelo, pescatori di Marsala, rispettivamente di cinquattotto e cinquantadue anni. Entrambi erano ai domiciliari. Coinvolti nell’operazione “Scorpion Fish”, portata a termine da Dda e Guardia di finanza il 6 giugno 2017, i due devono scontare una pena a sei anni di reclusione per associazione per delinquere, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e contrabbando di tabacchi lavorati esteri.

A condurre in carcere i fratelli Allegra, in esecuzione di un ordine emesso dalla Procura di Palermo, sono stati i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Marsala con il supporto dei colleghi della Compagnia di Intervento Operativo del 12 Reggimento “Sicilia”. L’organizzazione criminale italo-tunisina gestiva viaggi di “lusso” per migranti tra Capo Bon e le coste della Sicilia occidentale su gommoni superveloci, sui quali venivano trasportate anche sigarette di contrabbando.

I gommoni, utili al traffico di migranti e sigarette, facevano base in un porticciolo turistico di fronte il quartiere popolare Sappusi, alla periferia di Marsala. Viaggi a basso rischio e a prezzi molto alti (fino a 3 mila euro a persona) per piccoli gruppi di extracomunitari che, arrivati sulle coste siciliane, venivano prelevati e portati in abitazioni dove potevano rifocillarsi, lavarsi e avere vestiti nuovi.

Redazione – Trapani Post

1 Commento
  1. […] a tappeto nel centro di Marsala da parte dei carabinieri della locale compagnia. Sono cinque le persone denunciate per presunte […]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.