Selinunte. Inganna lo zio per depredargli patrimonio

I Carabinieri della stazione di Marinella di Selinunte, in provincia di Trapani, hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo di un immobile, ad un noto pregiudicato del luogo per avere maltrattato e ingannato lo zio invalido. L’immobile ha un valore da 120.000 euro e si trova nella frazione balneare di Triscina.

Il sequestro è avvenuto perché l’uomo, di trentasette anni, è responsabile di maltrattamenti in famiglia. Avrebbe, infatti, ospitato nella propria abitazione lo zio invalido e lo avrebbe costretto, anche sotto minacce, ad emettere atti di delega per poter compiere prelievi di denaro ed operazioni bancarie dal suo conto.

Il trentasettenne avrebbe, infatti, prelevato dal conto bancario dello zio invalido circa 450.000 euro, per effettuare acquisti ed altre transazioni, tra cui l’immobile oggetto di sequestro e vari veicoli a suo uso. Il provvedimento, emesso dal Gip del Tribunale di Marsala, su richiesta della Procura della Repubblica, ha trovato fondamento nell’esito degli accertamenti.

Il trentasettenne è stato al momento condotto in carcere dagli uomini dell’arma dei carabinieri. Aveva anche precedenti per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti ed altri delitti contro l’amministrazione della giustizia. Adesso è responsabile dei reati di maltrattamenti in famiglia e circonvenzione di incapace, di cui dovrà rispondere alla sbarra.

Redazione – Trapani Post

1 Commento
  1. […] di reperti, molti dei quali trafugati clandestinamente nel più importante sito archeologico di Selinunte (TP) da tombaroli verosimilmente al servizio di “cosa […]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.