Mafia. Sequestro da 200.000 euro ad imprenditore colluso

L’esecuzione di tale provvedimento ablativo, emesso dal Tribunale di Trapani – Sezione Misure di Prevenzione, costituisce l’epilogo di una serie di approfonditi accertamenti economico-finanziari esperiti dai finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria del capoluogo che hanno consentito di ricondurre all’imprenditore, arrestato nel 2019 nell’ambito della nota operazione “scrigno”,  che decapitò le famiglie mafiose di Trapani, Paceco e Favignana, oltre a chiamare alla sbarra diversi politici, tra cui Ruggirello. Il patrimonio sequestrato, immobiliare e mobiliare, è ascrivibile al provento dei traffici illeciti da lui gestiti, direttamente ed indirettamente, negli ultimi anni.

In particolare, le attività d’indagine svolte a suo tempo ed i loro successivi esiti giudiziari hanno consacrato a carico del destinatario di tale misura di prevenzione numerosi e significativi contributi finalizzati a promuovere e garantire gli interessi economici delle famiglie mafiose di Trapani e di Marsala sull’isola di Favignana.

Ciò in quanto la disponibilità dell’imprenditore originario di Paceco si era manifestata nel facilitare l’infiltrazione mafiosa nel settore economico dei lavori edili, anche a mezzo la diretta costituzione di imprese in cui la componente di avviamento altro non rifletteva che il proprio rapporto privilegiato con i capi famiglia, da cui derivava pure un riconosciuto ruolo di intermediazione con i referenti mafiosi all’epoca attivi a Favignana.

All’esito di giudizio abbreviato, il destinatario del sequestro eseguito era stato condannato con Sentenza emessa nel novembre del 2020 dal Tribunale di Palermo ad otto anni e quattro mesi di reclusione per concorso in associazione mafiosa e trasferimento fraudolento di valori; giudicato in virtù del quale la Sezione Misure di Prevenzione di Trapani ha potuto delimitare al triennio 2016-2019 la pericolosità sociale costituente presupposto essenziale per l’applicazione della misura di prevenzione antimafia.

Complessivamente le Fiamme Gialle trapanesi hanno sequestrato un appartamento sito in Contrada Milo, un compendio aziendale sito in centro a Marsala e rapporti bancari di varia natura, per un valore complessivo pari a circa 200.000,00 euro, confermando in ciò l’efficacia dell’azione di contrasto cd. “economico” alla criminalità organizzata.

Redazione – Trapani Post

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.